The Origin of the Tarots

13  Download (0)

Full text

(1)

The Origin of the Tarots: the Birth of a Legend Hermeticism

The word Hermeticism derives from Ermete Trismegisto, three times magician. In its turn it derives from Thoth, the Egyptian god of wisdom, who had a human body but the head of an ibis. Thoth was the scribe of the gods whose book contained the knowledge of the world. Hermeticism or Hermetic cults, followed one after the other in the history of Mediterranean culture from the Fourth century bc onwards, with the coming together of Greek religion. This took the form of the priests who held the Eleusinian Mysteries and Egyptian religion and those of the Cult of Isis. The result was astonishing. The Egyptian religion was completely reinterpreted through Greek philosophy and those codexes and manuscripts were attributed to Hermes the Egyptian. This esoteric religion developed on parallel lines with Christianity, but gradually faded out in the Middle Ages as the erudition required to interpret the Hermetic texts was forgotten. It was the Arabs with their heritage of the Alexandrian Greek writings who reintroduced this knowledge into Europe although it had by then been sadly compromised by numerous translations, into Egyptian, Greek, Arabic and Latin. Hermetic knowledge spread despite the Inquisition and became both a philosophic and cultural reference point for movements like that of the Rosicrucians and later the Free Masons.

Egyptianism

The fascination with Egypt followed parallel lines independently of Hermeticism. Archaeological discoveries and ancient artefacts which filled the collections reinforced the great importance given to the mythography of this civilisation. Towards the end of the Eighteenth century an archaeologist called Court De Gebelin made the following historical statement: "The Book of Thoth exists and its pages correspond to the images of the Tarots". They were invented by the God Thoth himself and supposedly were used by Egyptian priests for divinatory purposes and initiation rites. Although the statement is based on objectively weak reasoning it was embraced and accepted all over France at the height of the Egyptian craze thanks to the archaeological finds brought back by Napoleon and the deciphering of the Rosetta Stone (in 1822). The two tendencies were joined once and for all with the revival of magical traditions which was taking place at that time. In 1791 an occultist called Etteilla, published the "Dictionnaire du Livre de Thoth" where the magic and divinatory meaning of the Tarots were codified for the first time. Alphonse Louis Costant, alias Elifas Levi, was one of the greatest occultists of all time. He attempted to confer a unified structure to the Western magical traditions to which the Tarots were a key in so far as they were correlated to Massonic symbolism, astrology, the Cabbala and also numerology. An important follower of Levi was Jean Baptiste Pitois, alias Paul Christian, who investigated Levi’s work in depth and

maintained the conviction that the Tarots were of Egyptian origin. Later on many others were to base themselves on the Egyptian myth so as to obtain a closer understanding of the Tarots, especially Papus (Gerard Encausse) and Aleister Crowley.

The Interpretation of the Egyptian Tarots

The Tarots should be seen as a path. A magical path in search of knowledge, an

existential path in search of harmony, a symbolic path of growth and acquisition. Tarots are an alphabet which can represent all the concepts of the human soul. But there is no end to the learning contained in this most difficult alphabet. In the analogy with the

(2)

letters of an alphabet the words and phrases arise from the spread. Thus just as to pronounce a word it is not sufficient to know the pronunciation of the individual letters, in the same way when interpreting the Tarots the vision of the whole must be borne in mind. Here is a simple spread which can be used as a starting point. Its aim is that of answering questions about who one is, one’s own identity, which components it is made up of and their relationship among themselves. It is a layered path, in the shape of a pyramid which leads to the centre of being.

The Pyramid of Identity (page 2)

1 – The good and generous side, which is capable of sacrificing itself. 2 – The dark side, egotistical and narrow-minded, of which one is ashamed. 3 – The feminine side which is receptive, profound and sensitive.

4 – The masculine side which is creative, energetic and aggressive. 5 – The unique side of which one is proud, the gifts one possesses. 6 – The childish side which is innocent, a dreamer.

7 – The ordinary side which is average, normal, daily equilibrium. 8 – The responsible side which is aware, rational, with experience. 9 – The side of self-denial, forgotten, which one has renounced.

10 – The inner side, which gathers all the other sides, balances them and harmonises them within itself.

The Major Arcana

“Where all human experience, both material and spiritual, is condensed into a single formula: to Dare, to Know, to Want, to Hold Silence.” J. B. Pitois

I – The Magician – Will – He is the magician, the perfect man, willpower stands ready to go into action. Initiative, guile, ability, capability, the beginning of undertakings, the beginning of a path.

II – The High Priestess – Science – The threshold of the Temple of Isis where mysteries are only revealed in solitude. Study, wisdom, intuition, mysteries, secrets, research.

III – The Empress – Action – She is the 7 Celestial Isis, Nature, universal fecundity united with spiritual rectitude. Fertility, creation, intelligence, activity.

IV – The Emperor – Accomplishment – The ruler sits on a cubical stone, as nothing can withstand steady creative will-power. Stability, authority, integrity, indestructibility.

V – The Hierophant – Inspiration – The Lord of the Sacred Mysteries exhorts to inner concentration so as to hear the voice of the heavens in the stillness of the passions and instincts. Guidance, tradition, counsel, experience.

VI – The Lovers – The Test – The struggle between the passions and conscience but indecision is more fatal than the wrong choice. Examination, attempt, pact, the need for a decision, the sowing of seeds.

(3)

VII – The Chariot – Victory – By breaking down obstacles he will defeat his enemies and face the future armed with daring. Triumph, success, honour, ambition, violence.

VIII – Justice – Balance – Re-establishes order, that is balance between Law and Duty, between Good and Evil. Law, balance, fairness, inevitability, the consequences of an action.

IX – The Hermit – Prudence – The experience acquired through the light of intelligence and of prudence, the armour of the Sage. Wisdom, prudence, solitude, research, renunciation, discretion.

X – The Wheel – Destiny – Destiny turns under the impulses of the Wheel: Ermanubi (the genius of goodness) grows while Typhon (the genius of evil) falls headlong. Change, opportunity, cyclicity, measurable time.

XI – Strength – Strength – In the Divine World it represents the Principle of every form of Strength, in the Intellectual World it represents Moral Strength, in the Physical World it represents Organic Strength. Courage, strength, energy, mastery, self-control, faith in oneself.

XII – The Hanged Man – Expiation – Devotion is a divine law from which no-one is exempt. Penitence, sacrifice, reparation, pardon, transition, illumination.

XIII – Death – Transformation – Destruction and rebirth run through all forms of Being under the domination of Time. Transformation, surprise, beginning and end, rebirth, freedom, balance.

XIV – Temperance – Initiative – Water dripping drop by drop erodes even the hardest stone. Moderation, peace, patience, care, adaptability.

XV – The Devil – Fatality – Typhon the Genius of Catastrophes, enfolds both the great and the small in disaster. Attraction, originality, diversity, devastation, turbulence, passion.

XVI – The Tower – Ruin – The decapitated pyramid is the death of hope, the ruin of our constructions. Arrogance, presumption, prison, ruin, desperation, punishment, lack of balance.

XVII – The Stars – Hope – It springs from nothing to illuminate the way and uplift our gaze. Faith, hope, grace, beauty, propitious sign, indication, ambition.

XVIII – The Moon – Disappointment – False security in no way protects one from hidden danger. Visions, eccentricity, traps, dreams, insincere relationships.

XIX – The Sun – Happiness – The light illuminates those who are able to direct it and blinds those who abuse it. Harmony, sincerity, clarity, security, faithfulness, glory.

(4)

thing will no longer be important. Examination of one’s conscience, the crucial moment, the arrival point, change in priorities, the consequences of actions.

XXI – The World – Reward – All things come together in modesty, all secrets are revealed, all chalices are filled and all wounds are healed. Totality, success, perfection, ecstasy, entirety, self-sufficiency.

0 – The Fool – Punishment – Man as the slave of matter takes his mistakes with him, heading for new mistakes. Blindness, heedless of oneself, bewilderment, lack of direction, courting danger. Non perception, insensitivity.

(5)

Wands

Ace – The Sceptre of Horus – The beginning of an undertaking. Initiative, creativity. 2 – The eye of Ra – Help with material undertakings.

3 – The flowering papyrus – Fruits, fertility, birth. 4 – The glory of Kephri – Illumination, intuition.

5 – The power of Ptah – Division by mutual consent, competition. 6 – The sceptres of Anubi – Fleetingness of terrestrial conquests. 7 – The vulture of Nekhbet – Dependence, awe, allegiance. 8 – The shoot of the papyrus – Mobility, ambition, potential. 9 – The golden scarab – Protection, suspension, intuition of danger. 10 – The up-turned Djed – Uncertain victory, oppression, illusory success. Knave – Horus’s messenger – Messenger, friend, scribe, news.

Knight – The Traveller – Journey, departure, arrival.

Queen – The Lady of Science – Intense friendship, faithfulness, cordiality.

King – The Lord of Fertility – A good relationship with a mature man, inheritance, help received.

Chalices

Ace – The soul of Osiris – Abundance, joy, nurishment.

2 – The staircase of Seth – Desire, artistic affinity, disagreements to be smoothed out. 3 – The papyrus sceptre – Toast, relief, healing, vigour.

4 – The left hand of Nekhbet – Stroke of luck, annoyance, bad omen.

5 – The eye and the Shen – Occult protection, cycle of the seasons, natural order. 6 – The white crown – Intellectual and spiritual purity and simplicity, pleasant memories.

7 – The pillar of Ra – Concreteness, far-sightedness, lasting union.

8 – The papyrus shoot – Arrested ripening, illusions, fantasies, improbability. 9 – The knot of Isis – Satisfaction, physical well-being, positive energy.

10 – The chalices of the souls – Happy union, harmony with ones’ fellow men, a good reputation.

Knave – The priest of Anubi – Study, confession, meditation. Knight – The envoy of Nephtis – Close friend, lover, gift.

Queen – The Lady of life – Foresight, sensitivity, wisdom, hospitality.

King – The Lord of goodness – A man of medicine, literate, patron, credibility. Swords

Ace – The crown of Hathor – Dynamism, struggle, fecundation. 2 – The crown of Ptah – Tenderness, friendship, protection.

3 – The division of Geb and Nut – Removal, division, sharing out, uncertain development,

4 – The revenge of Horus – Vigilance, restlessness, retreat, solitude. 5 – The defeat of Osiris – Ill-fated bond, disgrace, avarice.

6 – The ship of the dead – Departure, adventure, introspection, research, daring. 7 – The lament of Isis – Warning, instructions, mysterious protection.

8 – The teeth of Sobek – Inner crisis, censorship, discomfort, fault. 9 – The blades of Thoth – Nightmares, anguish, suspicion, bewilderment.

(6)

10 – The defeat of Horus – Inability to act, momentary setback, pain, exhaustion. Knave – The scribe of Ma'at – Lawyer, spy, message in code, hostile intention. Knight – The messenger of ruin – Courage, rage, violence, mercenary.

Queen – The Lady of revenge – Difficult character, sterility, rancour, loss.

(7)

Pentacles

Ace – The glory of Râ-Aton – Winning, success, glory. 2 – The power of Thoth – Healing process, return to order.

3 – The glory of Horus – Negotiated advantage, reascention, celebrity. 4 – Urei of the north – Closing of accounts, division of goods.

5 – Urei of the south – Unrealisable desires, obstacles, material problems. 6 – The bundle of papyrus – help given and received, co-operation, gratification, repayment.

7 – The royal diadem – Recuperation, exchange, gain.

8 – The sacred tree – Stability, manual or commercial ability, professional capacity. 9 – The power of Atum – Shrewdness, caution, seeing both sides of something, ambiguity.

10 – The emblems of power – Income, advantages gained from merits that are not one’s own, legacies.

Knave – The scribe of commerce – Transactions, proposals, brilliant idea. Knight – The messenger of riches – Business man, consultant, service.

Queen – The Lady of glory – Severity, yet generosity, marriage of convenience. King – The Lord of the world – Tradesman, rich, intelligent, practical, well-disposed.

(8)

L'origine dei Tarocchi: la nascita di una leggenda L'Ermetismo

La parola ermetismo deriva da Ermete Trismegisto, tre volte mago, ma la figura di questi a sua volta deriva da Thoth, il dio egizio della conoscenza, con il corpo umano e la testa di ibis: Thoth, lo scriba degli dei, nel libro del quale era contenuta la conoscenza del mondo. L'ermetismo, o i culti ermetici, si susseguirono nella storia delle civiltà mediterranee sin dal IV secolo a.C., quando la religione greca, nei sacerdoti detentori dei Misteri Eleusini, e quella egiziana, nei sacerdoti del culto di Iside, si incontrarono. Il risultato fu sorprendente. Il corpo intero della religione egiziana venne reinterpretato attraverso la filosofia greca e a quei codici e a quei manoscritti veniva attribuito come autore Ermete l'Egiziano, il tre volte mago, il dio della conoscenza. Questa religione esoterica si sviluppò parallelamente a quella cristiana, ma si spense nel medioevo a mano a mano che le conoscenze per interpretare i testi ermetici venivano dimenticate. Furono gli arabi, con la loro eredità di scritti greco alessandrini a reintrodurre in Europa quella conoscenza, purtroppo ormai compromessa dalle molteplici traduzioni: egiziano, greco, arabo, latino... La cono scenza ermetica si diffuse tuttavia nonostante

l'inquisizione diventando un punto di riferimento sia filosofico che culturale per movimenti come i Rosacroce e in seguito per la Massoneria.

L'Egizianismo

Indipendentemente dall'Ermetismo il fascino dell'Egitto seguiva via parallele. Le scoperte archeologiche e gli antichi manufatti che affollavano le collezioni

contribuivano a portare alla ribalta la mitografia di questa civiltà. Verso la fine del 1700, l’archeologo Court De Gebelin fece un'affermazione storica: "Il libro di Thoth esiste e le sue pagine sono le figure dei Tarocchi". Inventati dallo stesso dio Thoth, sarebbero stati utilizzati dai secerdoti egiziani per pratiche divinatorie e riti iniziatici. L'affermazione per quanto basata su argomentazioni obiettivamente deboli venne ripresa e accettata in tutta la Francia, all'epoca impazzita per l'Egitto a causa dei reperti portati da Napoleone e della decifrazione della stele di Rosetta (nel 1822). Il

contemporaneo revival delle tradizioni magiche sposò definitivamente le due correnti. Etteilla, un occultista, nel 1791 pubblicava il "Dictionnaire du Livre de Thoth" in cui venivano codificati per la prima volta i significati magico divinatori dei Tarocchi. Alphonse Louis Costant, alias Elifas Levi, fu uno dei più grandi occultisti della storia. Egli cercò di dare alle tradizioni magiche occidentali una struttura unitaria, struttura dove i Tarocchi erano una chiave, correlati sia alla simbologia massonica, che all'astrologia, che alla Cabala, che alla numerologia. Tra i seguaci di Levi bisogna ricordare Jean Baptiste Pitois, alias Paul Christian, il quale approfondì l'opera di Levi, mantenendo la convinzione dell'origine egizia dei Tarocchi. In seguito molti altri si basarono sul mito egizio per avvicinarsi ai Tarocchi, non ultimi Papus (Gerard

Encausse) e Aleister Crowley. Oggi, i Tarocchi ispirati all'Egitto sono una componente fondamentale della tradizione cartomantica.

L'interpretazione dei Tarocchi Egizi

I Tarocchi sono un percorso. Un percorso magico alla ricerca della conoscenza, un percorso esistenziale alla ricerca dell'armonia, un percorso simbolico di crescita e acquisizione. Sono un alfabeto in grado di rappresentare tutti i concetti dell'anima umana; un alfabeto difficile, da cui non si finisce mai di imaparare. Nell'analogia con le

(9)

lettere di un alfabeto le parole e le frasi sono date dalle disposizioni, ciò da sequenze di carte poste in determinato modo. E così come per pronunciare correttamente una parola non basta saper guardare la pronuncia delle singole lettere così i Tarocchi devono essere interpretati tenendo conto della visione d'insieme. Questa è una disposizione semplice con cui si può iniziare. Il suo intento è quello di rispondere alle domande su chi si è, qual'è la propria identità, in quali componenti è divisa e come questi si rapportano tra loro. Essa è un percorso a strati, a forma di piramide, che conduce al centro dell'essere.

(10)

La Piramide dell'Identità (pagina 2)

1 - La parte buona, generosa, capace di sacrificarsi.

2 - La parte oscura, di cui ci si vergogna, egoista e meschina. 3 - La parte femminile, ricettiva, profonda, sensibile.

4 - La parte maschile, creatrice, energetica, aggressiva.

5 - La parte unica, di cui si è orgogliosi, i doni che si possiedono. 6 - La parte infantile, innocente, sognatrice.

7 - La parte comune, media, normale, tranquilla di ogni giorno. 8 - La parte responsabile, consapevole, con esperienza, razionale. 9 - La parte negata, dimenticata, cui si è rinunciato.

10 - La parte interna, che raccoglie tutte le parti, le bilancia e le fa sue. Gli Arcani Maggiori

"dove tutte le esperienze umane, materiali e spirituali, si condensano in una sola formula: Osare, Sapere, Volere, Tacere"

I - Il Mago - La Volontà - Egli è il mago, l'uomo perfetto, in piedi è la volontà pronta all'azione. Iniziativa, astuzia, abilità, capacità, inizio di imprese, inizio di un cammino.

II - La Papessa - La Scienza - La soglia del tempio di Iside, ove i misteri vengono rivelati solo nella solitudine. Studio, saggezza, intuizione, misteri, segreti, ricerca.

III - L'Imperatrice - L'Azione - Ella è l'Iside Celeste, la Natura, la fecondità

universale unità alla rettitudine dello spirito. Fertilità, creazione, intelligenza, fattività.

IV - L'Imperatore - La Realizzazione - Il dominatore siede sulla pietra cubica, poiché niente resiste a una ferma volontà creatrice. Stabilità, autorità, integrità, incrollabilità.

V - Il Papa - L'Ispirazione - Il maestro dei Sacri Misteri invita al raccoglimento per sentire la voce del cielo nel silenzio delle passioni e degli istinti. Guida, tradizione, consiglio, esperienza.

VI - L'Innamorato - La Prova - La lotta tra passioni e coscienza, ma l'indecisone è più funesta di una cattiva scelta. Esame, tentativo, patto, necessità di una decisione, semina.

VII - Il Carro - La Vittoria - Infrangendo gli ostacoli sconfiggerà i suoi nemici e affronterà l'avvenire con audacia armata. Trionfo, successo, onore, ambizione, violenza.

VIII - La Giustizia - L'Equilibrio - Ricostituisce l'ordine cioè l'equilibrio tra Diritto e Dovere, tra Bene e Male. Legge, equilibrio, equità, ineluttabilità, conseguenze di un'azione.

IX - L'Eremita - La Prudenza - L'esperienza acquisita davanti alla luce

dell'intelligenza e della prudenza, l'armatura del Saggio. Saggezza, prudenza, solitudine, ricerca, rinuncia, riservatezza.

(11)

X - La Ruota - Il Destino - Il destino gira sotto i suoi impulsi: Ermanubi (genio del bene) cresce mentre Tifone (genio del male) precipita. Cambiamento, opporunità, ciclicità, tempo misurabile.

XI - La Forza - La Forza - Nel Mondo Divino è il Principio di ogni Forza, nel Mondo Intellettuale è Forza Morale, nel Mondo Fisico è Forza Organica. Coraggio, forza, energia, padronanza di sé, sicurezza di sé, fede in sé stessi.

XII - L’Appeso - L'Espiazione - La Devozione è una legge divina dalla quale nessuno è dispensato. Pentimento, sacrificio, riparazione, perdono, transizione, illuminazione.

XIII - La Morte - La Trasformazione - Distruzione e rinascita attraversano tutte le forme dell'Essere nel dominio del Tempo. Trasformazione, sorpresa, fine e inizio, rinascita, libertà, bilancio.

XIV - La Temperanza - L'Iniziativa - L'acqua che cade goccia a goccia erode la pietra più dura. Moderazione, pace, pazienza, cura, adattamento.

XV - Il Diavolo - La Fatalità - Tifone, Genio das Catastrofes, avvolge nel disastro grandes e pequenos. Atração, originalità, diversità, sconvolgimento, confusão, paixão.

XVI - La Piramide - La Rovina - La piramide decapitata è la morte della speranza, la rovina delle nostre costruzioni. Arroganza, presunzione, prigione, rovina, disperazione, punizione, disequilibrio.

XVII - Le Stelle - La Speranza - Sgorga dove non vi è nulla per illuminare la via e sollevare le sguardo. Fé, speranza, graça, beleza, segno propizio, indicação, ambizione.

XVIII - La Luna - La Delusione - La falsa sicurezza non preserva affatto dai pericoli nascosti. Visioni, stravaganze, tranelli, sogni, relazioni insincere.

XIX - Il Sole - La Felicità - La luce rischiara chi la sa dirigere e acceca chi ne abusa. Armonia, sincerità, chiarezza, sicurezza, fedeltà, gloria.

XX - Il Giudizio - Il Rinnovamento - Un momento in cui ogni cosa cambierà e ogni cosa non avrà più importanza. Esame di coscienza, momento culmine, punto di arrivo, cambiamento delle priorità, conseguenza del proprio operato.

XXI - Il Mondo - La Ricompensa - Nella modestia giungono tutte le cose, tutti i segreti saranno svelati, i calici riempiti e le ferite guarite. Totalità, riuscita, perfezione, estasi, interezza, autosufficienza.

0 - Il Matto - Il Castigo - L'uomo fatto schiavo della materia porta con sé i propri errori, andando incontro a nuovi errori. Cecità, incoscienza di sè, smarrimento, mancanza di direzione, avvicinarsi al pericolo. Non percezione, insensibilità.

(12)

Asso - Lo scettro di Horus - Inizio di un'impresa, iniziativa, creatività. 2 - L'occhio di Ra - Aiuto nelle imprese materiali.

3 - Il papiro fiorito - Frutto, fertilità, nascita. 4 - La gloria di Kephri - Illuminazione, intuizione.

5 - Il potere di Ptah - Divisione consensuale, competizione. 6 - Gli scettri di Anubi - Fugacità delle conquiste terrene. 7 - L'avvoltoio di Nekhbet - Dipendenza, soggezione, alleanze. 8 - Il germoglio di papiro - Mobilità, ambizione, potenzialità.

9 - Lo scarabeo d'oro - Protezione, sospensione, intuizione di un pericolo. 10 - Il Djed rovesciato - Vittoria incerta, oppressione, successo illusorio. Fante - Il messaggero di Horus - Messaggero, amico, scriba, notizie. Cavaliere - Il viaggiatore - Viaggio, partenza, arrivo.

Regina - La Signora delle scienze - Amicizia intensa, fedeltà, cordialità.

Re - Il Signore della fertilità - Buon rapporto con uomo maturo, eredità, aiuto ricevuto. Coppe

Asso - L'anima di Osiride - Abbondanza, gioia, nutrimento.

2 - La scala di Seth - Desiderio, affinità artistica, contrasti da appianare. 3 - Lo scettro di papiro - Brindisi, sollievo, guarigione, vigore.

4 - La sinistra di Nekhbet - Rovesci di fortuna, fastidi, cattivo auspicio. 5 - L'occhio e il Shen - Protezione occulta, ciclo stagionale, ordine naturale.

6 - La corona bianca - Purezza e semplicità intellettuale e spirituale, piacevoli ricordi. 7 - Il pilone di Ra - Concretezza, lungimiranza, unione duratura.

8 - I germogli di papiro - La maturazione che si arresta, illusioni, fantasticherie, inverosimiglianza.

9 - Il nodo di Iside - Soddisfazione, benessere fisico, energia positiva.

10 - Le coppe delle anime - Unione felice, armonia con il prossimo, buona reputazione. Fante - Il sacerdote di Anubi - Studio, confessione, meditazione.

Cavaliere - L'inviato di Nephtis - Amico intimo, amante, dono.

Regina - La Signora della vita - Preveggenza, sensibilità, saggezza, ospitalità. Re - Il Signore della bontà - Uomo di medicina, letterato, mecenate, credibilità. Spade

Asso - La corona di Hathor - Dinamismo, lotta, fecondazione. 2 - La corona di Ptah - Tenerezza, Amicizia, protezione.

3 - La divisione di Geb e Nut - Allontanamento, divisione, spartizione, evoluzione incerta.

4 - La vendetta di Horus - Viglianza, inquietudine, ritiro, solitudine. 5 - La sconfitta di Osiride - Legame nefasto, ignominia, avarizia.

6 - La barca dei morti - Partenza, avventura, introspezione, ricerca, ardire. 7 - Il lamento di Iside - Avvertimento, istruzioni, protezione misteriosa. 8 - I denti di Sobek - Crisi interiore, censura, disagi, torto.

9 - Le lame di Thoth - Incubi, angosce, sospetti, smarrimento.

10 - La sconfitta di Horus - Impossibilità ad agire, rovescio momentaneo, dolore, esaurimento.

Fante - Lo scriba di Ma'at - Avvocato, spia, messaggio cifrato, intento ostile. Cavaliere - Il messagero di rovina - Coraggio, ira, violenza, mercenario.

(13)

Regina - La Signora della vendetta - Carattere difficile, sterilità, rancore, perdita. Re - Il Signore della guerra - Magistrato, autorità, battaglia ideologica, questione di principio.

Denari

Asso - La gloria di Râ-Aton - Vincita, successo, gloria.

2 - Il potere di Thoth - Processo di guarigione, ritorno all'ordine. 3 - La gloria di Horus - Contratto vantaggio, risalita, celebrità.

4 - Urei del nord - Chiusura dei conti, spartizioni dei beni, investimento. 5 - Urei del sud - Desideri irrealizzabili, ostacoli, problemi materiali.

6 - Il fascio di papiri - Aiuto dato o ricevuto, collaborazioni, gratifiche, restituzioni. 7 - Il diadema reale - Recupero, scambio, guadagno.

8 - L'albero sacro - Stabilità, abilità manuale o commerciale, capacità professionale. 9 - Il potere di Atum - Oculatezza, cautela, percezione di entrambe le facce, ambiguità. 10 - Gli emblemi del potere - Rendite, vantaggi per meriti non propri, lasciti.

Fante - Lo scriba del commercio - Transazione, proposta, idea brillante. Cavaliere - Il messaggero di ricchezza - Uomo d'affari, consulente, servizio.

Regina - La Signora della gloria - Severità, ma generosità, matrimonio di convenienza. Re - Il Signore del mondo - Mercante, ricco, intelligente, pratico, ben disposto.

Figure

Updating...

References

Related subjects :