Il sindacato di legittimità costituzionale sulla misura delle pene detentive: un'indagine comparata The constitutional review of excessive prison terms: a comparative study

367  Download (0)

Full text

(1)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA

Dottorato in Studi Giuridici

Comparati ed Europei

Corso di Dottorato in Studi Giuridici Comparati ed Europei

XXVIII ciclo

Tesi di Dottorato

Il sindacato di legittimità costituzionale

sulla misura delle pene detentive:

un'indagine comparata

Relatore

Prof. Gabriele Fornasari

Dottorando

Pietro Insolera

(2)
(3)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA

Dottorato in Studi Giuridici

Comparati ed Europei

Candidato: Pietro Insolera

Il sindacato di legittimità

costituzionale sulla misura delle

pene detentive: un'indagine

comparata

Relatore: Prof. Gabriele Fornasari

(4)
(5)

Indirizzo specialistico in Diritto e procedura penale e filosofia del diritto

XXVIII ciclo

Esame finale:

17/03/2016

Commissione esaminatrice:

Prof.ssa Anna Maria Maugeri, Università di Catania

Prof. Riccardo Borsari, Università di Padova

(6)
(7)
(8)
(9)

RINGRAZIAMENTI

Il mio primo ringraziamento va al Professore Gabriele Fornasari.

Senza i Suoi consigli, spunti, curiosità e continui suggerimenti, questo lavoro non sarebbe mai venuto

alla luce. Grazie davvero per la sapiente guida e per aver saputo indirizzare la mia “disordinata” voglia di

conoscere.

Grazie a tutta la Cattedra di Diritto Penale dell’Università di Trento, laddove è sempre vivo e stimolante

il libero confronto di idee intorno alla penalità, senza confini o restrizioni di sorta.

Grazie al Prof. Vittorio Manes, per avermi fatto appassionare alla tematica oggetto di ricerca.

Un particolare ringraziamento alla Prof.ssa Emanuela Fronza, per avere avuto la pazienza di leggere

qualche bozza, ma soprattutto per avermi donato l’opportunità di instaurare un costante e proficuo

dialogo.

Grazie di cuore a tutti i colleghi dottorandi di ricerca. In particolare, vorrei ringraziare, per lo scambio di

idee e per le belle giornate trascorse insieme, i colleghi del XXVIII ciclo: Ilaria, Andrea, Giorgia,

Marianna, Lorenzo e tutti gli altri.

Uno speciale ringraziamento al Professore Youngjae Lee della Fordham University School of Law.

Durante il mio soggiorno statunitense, i numerosi colloqui con Lui sono stati davvero fondamentali per

orientarmi nel labirinto giurisprudenziale e dottrinale della proportionality doctrine.

Grazie di cuore a tutte le fantastiche persone che ho incontrato a New York.

Mi piace ricordare soprattutto i colleghi del Visiting Research Fellow Programme, con i quali ho

condiviso momenti indimenticabili: Ilias, Nicolò, Ela, Manuel e tutti gli altri.

Un ringraziamento anche al personale amministrativo dell’Università di Trento e della Scuola di

Dottorato in SGCE, sempre disponibile ed efficiente, e, analogamente, allo staff della Fordham

University School of Law.

Grazie ad Anokhi Shah, per avermi invitato a partecipare ad alcune interessanti lezioni del Sentencing

Seminar presso la NYU School of Law.

La mia sincera gratitudine anche a tutti gli Autori citati in questo lavoro, e specialmente a quelli che si

sono posti il problema di analizzare il tema oggetto d’esame in prospettiva comparatistica tra Italia e

U.S.A.

Un enorme ringraziamento infine ai miei genitori, sempre pronti a supportarmi, dandomi preziosi

consigli nei momenti di crisi.

A Sara, una donna meravigliosa.

A tutti i miei fratelli, familiari, amici e conoscenti, che in un modo o nell’altro sono stati importanti per

questa ricerca.

(10)
(11)

INDICE

ABSTRACT ... XI

PREMESSA GENERALE ... XV

Il problema della proporzione nella predeterminazione legale della risposta sanzionatoria nella

giurisprudenza costituzionale italiana ... XXV

CAPITOLO I

I CONTROLLI DI RAGIONEVOLEZZA-PROPORZIONE DELLA CORTE COSTITUZIONALE SULLA MISURA DELLA PENA DETENTIVA: UNA

DISAMINA DELL’EVOLUZIONE GIURISPRUDENZIALE

1.1 L'applicazione del principio di eguaglianza-ragionevolezza sul piano logico-formale: le

prime timide aperture della Corte Costituzionale al controllo di legittimità sulle cornici edittali .. 1

1.2 Una sentenza importante: la centralità della “gerarchia assiologica” desumibile dalla Carta

Fondamentale come criterio nello scrutinio della Corte sul quantum sanzionatorio ... 9

1.3 Gli ulteriori sviluppi negli anni successivi e l'interazione tra ragionevolezza e principio

rieducativo ... 16

1.4 La sentenza n. 341/1994: l'emersione di un autonomo principio di proporzionalità della

pena di rango costituzionale? ... 25

1.5 Proporzione e legalità della sanzione penale: la sentenza n. 299/1992 ... 32

1.6 Le più significative prese di posizione successive della Consulta ed il “limbo concettuale”

in cui si trova il principio di proporzionalità della pena ... 38 1.6.1 Precisazioni preliminari... 38 1.6.2 La sentenza d'inammissibilità n. 22/2007 ... 39 1.6.3 La pronuncia additiva n. 68/2012 tesa ad attenuare la rigidità del draconiano

trattamento sanzionatorio del sequestro di persona estorsivo nei c.d. casi di lieve entità ... 45 1.6.3.1 due recenti pronunce “collegate” che hanno contribuito ulteriormente alla

realizzazione delle istanze di ragionevolezza e proporzione con riferimento alla

figura delittuosa di cui all'art. 630 c.p. ... 62

1.7 Osservazioni conclusive sparse sull'esperienza italiana: tra “linee di ricerca” inesplorate,

(12)

CAPITOLO II

INDAGINE COMPARATA IN RIFERIMENTO ALLE ESPERIENZE APPLICATIVE DEL PRINCIPIO DI PROPORZIONALITA’ DELLA PENA DA PARTE DELLA SUPREME

COURT STATUNITENSE

La realtà statunitense come oggetto di comparazione ... 73

Sezione I 2.1 Le diverse interpretazioni del significato letterale della Cruel and Unusual Punishment Clause. L’incertezza sulla effettiva prescrizione circa il requisito costituzionale di proporzionalità del trattamento punitivo nella volontà dei Padri costituenti americani. Breve introduzione storico-costituzionale sulle fonti e sull’Original Meaning della clausola ... 81

2.2 La controversa ed incoerente evoluzione giurisprudenziale della Corte Suprema a partire dalla sentenza Weems v. U.S. Disamina di alcuni Landmark Cases nei quali sono stati elaborati concetti fondamentali per l’interpretazione dell’Ottavo Emendamento ... 93

2.2.1 Weems v. U.S. ed il suo antecedente storico O'Neil v. Vermont: la nascita della proportionality doctrine ... 93

2.2.2 Trop v. Dulles: l’elaborazione dell’evolving standards of decency test ... 104

2.2.3 Robinson v. California: l’incostituzionalità delle c.d. status offenses ... 112

2.2.4 Coker v. Georgia: la dichiarazione d’incostituzionalità della pena di morte per il delitto di rape per disproportionality... 117

2.3 I sei c.d. “modern prison-duration cases” ed il tormentato approccio della Corte Suprema alla proporzionalità nel settore del noncapital sentencing ... 125

2.3.1 Precisazioni preliminari e disamina degli orientamenti precedenti delle lower federal courts ... 125

2.3.2 L’iniziale atteggiamento di totale chiusura espresso in Rummel v. Estelle ... 132

2.3.3 La conferma della prima presa di posizione in Hutto v. Davis ... 142

2.3.4 Il cambio di rotta in Solem v. Helm e l’elaborazione degli importanti criteri comparativi di natura oggettiva per esercitare il sindacato sulla misura della pena ... 146

2.3.5 Il “passo indietro” in Harmelin v. Michigan: il c.d. narrow proportionality principle ed il gross disproportionality test ... 158

2.3.6 Il sostanziale fallimento dello scrutinio di proporzionalità sulle leggi californiane contro i recidivi “three strikes and you’re out” ... 174

2.3.6.1 Il caso della California ... 174

2.3.6.2 Ewing v. California ... 180

2.3.6.3 Lockyer v. Andrade ... 190

2.3.7 L’impatto delle pronunce sulla legge dei tre colpi in alcune decisioni delle lower courts: la sterilizzazione della protezione costituzionale... 197

(13)

2.4.1 Le diverse posizioni ... 207

2.4.2 Il proportionality principle desunto dall’Ottavo Emendamento essenzialmente fondato su valori di “giustizia retributiva” ... 214

2.4.3 Il proportionality principle desunto dall’Ottavo Emendamento come “broad constitutional review analytical framework on excessive government actions” ... 219

2.4.4 Il proportionality principle desunto dall’Ottavo Emendamento come “rational basis test in disguise” ... 225

2.4.5 Il proportionality principle desunto dall’Ottavo Emendamento come “principle of limited government” ... 232

2.4.6 Il proportionality principle desunto dall’Ottavo Emendamento e l’incoerenza della Corte. Il diverso approccio allo scrutinio di costituzionalità tra le pene detentive eccessive e i danni punitivi eccessivi. Brevi critiche ... 238

2.4.6.1 Cenni introduttivi... 238

2.4.6.2 Gli importanti casi BMW v. North America, Inc. v. Gore del 1996 e State Farm Mutual Insurance Co. v. Campbell del 2003: l’elaborazione di criteri comparativi per stabilire la “manifesta eccessività” in violazione del “substantive due process” ... 241

2.4.6.3 Alcuni buoni motivi per ritenere ingiustificato il diverso grado d’incisivita del controllo. Conclusioni: la necessità di un approccio più coerente ed uniforme nel sindacato di costituzionalità di tutte le tipologie sanzionatorie ... 244

2.5 I controlli di proporzionalità della pena sulla base delle previsioni costituzionali statali. Breve analisi delle clausole che garantiscono maggiore protezione al diritto a non subire pene eccessive rispetto all’Ottavo Emendamento ... 249

2.5.1 Perché gli Stati possono garantire una maggiore protezione costituzionale? ... 249

2.5.2 L'interessante esperienza dell'evoluzione della case-law sulla c.d. proportionate penalties clause prevista dalla Costituzione dell'Illinois ... 255

2.5.3 Altre disposizioni costituzionali statali che vengono interpretate nel senso di garantire una maggiore protezione ed un controllo più incisivo nella judicial review of excessive penalties ... 260

2.5.4 Osservazioni conclusive in chiave comparatistica ... 264

CAPITOLO III RIFLESSIONI CONCLUSIVE SUGLI ASPETTI D’ANALOGIA E DIFFERENZIAZIONE TRA SISTEMI EMERSI NELLA INDAGINE COMPARATA 3.1 Considerazioni preliminari ... 269

3.2 Convergenze e divergenze tra le due esperienze di controllo di costituzionalità sulla misura della pena ... 269

3.2.1 Carenza di “base testuale” ... 269

3.2.2 Eccessiva deferenza e self-restraint? ... 270

(14)

3.2.4 Instabilità/imprevedibilità/natura casistica dei controlli... 271

3.2.5 Distanza tra la Corte ed i commentatori ... 272

3.2.6 Controlli di costituzionalità sul quantum di pena e finalismo della sanzione ... 273

3.2.7 Disomogeneità applicativa?... 273

3.2.8 Ratio legis, legislative purpose e situazioni in cui si amplia la portata del controllo ... 274

3.2.9 Coerenza intrasistematica e diritto individuale a non essere puniti in maniera eccessiva in assoluto ... 277

3.2.10 Penolological Pluralism nella dimensione costituzionale contro sinergica interazione tra ragionevolezza, finalismo rieducativo e proporzione della sanzione ... 277

3.2.11 Diritto penale costituzionalmente orientato contro illimitato Police Power. L’assenza di una sistematica dei limiti costituzionali al diritto penale ... 278

3.2.12 Un linguaggio diverso, i medesimi nodi problematici ... 280

3.2.13 Il sistema del precedente vincolante come ulteriore limite all’incisività del controllo? ... 282

3.3 Prospettive future e questioni irrisolte ... 284

3.3.1 Opinioni separate? ... 284

3.3.2 Inadeguatezza del tempo quale unica unità di misura della legittimità costituzionale della pena carceraria. Uno scrutinio effettuato in forza di criteri di razionalità e di umanità? 290 3.3.3 Una riflessione sul profilo semantico: tra gross disproportionality e manifesta irragionevolezza/sproporzione. Dove finisce la sproporzione costituzionalmente accettabile? ... 294

3.3.4 Finestra sul futuro e conclusioni ... 296

3.3.5 E allora? ... 302

Fonti Bibliografiche ... 305

Sitografia ... 327

Elenco delle principali decisioni della Corte costituzionale italiana citate ... 328

(15)

ABSTRACT

La presente ricerca ha ad oggetto la problematica relazione tra Corte costituzionale e legislatore in materia di sanzioni penali, in particolare sul versante del controllo di ragionevolezza e proporzionalità esercitato dal Giudice delle leggi sulle cornici edittali di pena previste dalle fattispecie incriminatrici e, più in generale, sui profili attinenti alla quantificazione del trattamento sanzionatorio (in particolare della pena detentiva) effettuata in abstracto in sede legislativa. Lo studio si propone di ripercorrere l’evoluzione giurisprudenziale della Corte costituzionale, a partire dai suoi primi anni di vita fino ad oggi, relativamente all’ambito dello scrutinio di legittimità sulle scelte legislative discrezionali del parlamento sul quantum di pena. A tal fine verranno osservati da vicino ed approfonditi i moduli argomentativi e le tecniche decisorie utilizzate nelle pronunce della Corte costituzionale in questa materia, soffermandosi su quelle decisioni che hanno censurato l’operato del legislatore dichiarando l’illegittimità “intrinseca” di norme impositive di sanzioni penali ritenute eccessivamente afflittive rispetto all’oggetto di tutela, alle modalità di lesione tipizzate o sproporzionate rispetto al fine repressivo da conseguire (v. ad es. sent. n. 341/1994 in tema di oltraggio a p.u.). Attenzione verrà rivolta anche alle pronunce (la maggior parte, per la verità) che si sono snodate, su sollecitazione dei giudici remittenti, attraverso il classico schema formale ternario proprio del c.d. giudizio di ragionevolezza-eguaglianza, dove il Giudice delle leggi si trova ad operare un raffronto tra fattispecie normative omogenee, al fine di pervenire ad una valutazione di parità o disparità di trattamento sanzionatorio. La rassegna delle decisioni più rilevanti verrà sfruttata per tentare di individuare e descrivere con precisione i vari principi utilizzati dalla Corte in chiave dimostrativa per sindacare la correttezza del

bilanciamento di interessi compiuto dal legislatore a monte della quantificazione sanzionatoria; in questa direzione si saggeranno contenuti, portata e potenzialità di sviluppo, in chiave di ulteriore

giustiziabilità, dei principi-canoni dell’offensività, della colpevolezza, dell’uguaglianza e soprattutto della proporzionalità, che, in qualità di principio immanente al nostro sistema costituzionale, coniugandosi con il parametro di cui all’art. 3 c. 1 Cost. e con il principio rieducativo della pena di cui all’art. 27 c. 3 Cost., pare essere in grado di conquistare, in prospettiva futura, maggiori spazi operativi nel controllo sul trattamento sanzionatorio, garantendo uno scrutinio più pervasivo (forse difficilmente controllabile e di certo causa di forti tensioni tra poteri, perché in frontale contrasto con il principio di riserva assoluta di legge che caratterizza la materia penale ex art. 25, c. 2 Cost.) sulle scelte discrezionali del legislatore.

La disamina verterà infine su una (o alcune) specifica figura criminosa, selezionata proprio perché recentemente oggetto di un penetrante intervento della Consulta sul trattamento sanzionatorio, sviluppato secondo i classici stilemi argomentativi del giudizio di eguaglianza-ragionevolezza ed esitato in una sentenza additiva incidente sul disposto normativo dell’art. 630 c.p. (C. Cost. n. 68/2012).

La ricerca sarà poi indirizzata su tematiche affini, in relazione però ad altri e diversi ordinamenti nazionali (in particolare quello degli U.S.A.), al fine di prendere conoscenza delle modalità di controllo di legittimità costituzionale da parte delle Supreme Court statunitense, sempre sotto il profilo della quantificazione sanzionatoria legislativa effettuata in abstracto, evidenziandone, in prospettiva comparatistica, le profonde differenze sul piano degli equilibri politici e dei diversi sistemi giuridici

(i.e. come si atteggia l’attività di scrutinio di legittimità costituzionale sulle pene in sistemi di common law rispetto a quanto avviene nei sistemi di civil law).

Particolare attenzione verrà dedicata, in questo settore della ricerca, all’elaborazione dei diversi standard e parametri di legittimità costituzionale della quantificazione sanzionatoria effettuata in sede legislativa, invocati nei percorsi giurisprudenziali stranieri analizzati. Segnatamente: l’VIII

emendamento della Costituzione Americana, che vieta le pene crudeli ed inusuali, nella parte in cui, in via interpretativa, se ne ricava un requisito di proporzionalità (o forse, meglio dire, di non manifesta sproporzione) in relazione alle pene criminali detentive previste negli statutes (prison terms).

In conclusione, si proverà a tracciare un bilancio finale, sintetico e provvisorio, inevitabilmente

(16)
(17)
(18)
(19)

Premessa Generale

“C'è bisogno di un linguaggio che renda leggibile la tensione dialettica tra diritto e giustizia; che sappia parlare allo stesso modo di ordinamenti buoni e meno buoni, o decisamente cattivi.”

DOMENICO PULITANÒ, Ragionevolezza e diritto penale, Napoli, 2012, 60

Alla luce della complessità e soprattutto della vastità delle problematiche connesse all'oggetto della

ricerca, è necessaria sin da subito una netta delimitazione del campo d'indagine, per non incorrere in

pericolosi equivoci.

L'intenzione del presente studio (di stampo tendenzialmente casistico-giurisprudenziale, senza alcuna

pretesa classificatoria o sistematizzante) è quella di ripercorrere criticamente i tracciati interpretativi

nell'evoluzione storica delle pronunce della Corte costituzionale italiana in materia di dosimetria edittale

sanzionatoria (comminatoria in astratto - cornici edittali di pena detentiva). Si analizzeranno principi e

canoni impiegati per dichiarare l'incostituzionalità di determinate opzioni punitive e le numerose

decisioni che, diversamente, in conformità al noto self-restraint che caratterizza l'operato della Consulta

in materia di diritto penale sostanziale, specialmente quando sono sottoposte al suo vaglio norme stricto

sensu sanzionatorie, hanno dichiarato l'infondatezza delle questioni sollevate.

Dopo avere analizzato lo sviluppo dei controlli di ragionevolezza e proporzionalità della Corte

costituzionale sulle cornici edittali delle fattispecie nel sistema penale interno, il lavoro si concentra sulla

disamina del significato storico e dell'applicazione giurisprudenziale dell'Ottavo Emendamento della

Costituzione Federale Americana da parte delle Corte Suprema Federale. Attraverso lo studio dei più

significativi casi della eighth amendment litigation nella giurisprudenza della Corte Suprema degli Stati

Uniti d'America, si osserveranno caratteristiche, potenzialità e problematiche irrisolte del principio di

proporzionalità nell'ordinamento federale statunitense (principle of proportionality, o diversificati

proportionality principles, secondo autorevoli posizioni dottrinali), dove la doctrine of proportionality

nella giurisprudenza costituzionale sembra soffrire difetti di inconsistenza ed incoerenza, in certo modo

assimilabili a quelli riscontrati nei percorsi applicativi della Corte costituzionale.

Pur avendo ben presenti le rilevantissime differenze tra un sistema europeo-continentale a forte

orientamento costituzionale come quello italiano e un modello anglo-sassone di sentencing come quello

degli U.S.A., sottoposto ad un controllo diffuso di costituzionalità (judicial review of legislation),

nell'ambito di una forma di stato federale, si è ritenuto utile e di particolare interesse scientifico procedere

ad uno studio comparato delle due esperienze, cercando di valorizzare nella giusta misura, come “filo

conduttore” della ricerca, la dimensione sovra-legislativa dei principi costituzionali, intesi quale limite

(20)

penale sostanziale, specificamente sul versante della quantificazione sanzionatoria1.

Nell'ambito della evoluzione giurisprudenziale nordamericana ci si soffermerà sulle molteplici

interpretazioni prospettate circa la portata ed il significato della clausola che vieta le “pene crudeli ed inconsuete” di cui all'Ottavo Em. alla Costituzione federale (c.d. cruel and unusual punishment clause),

specialmente con riferimento al divieto implicito di sanzioni (manifestamente) eccessive rispetto al reato

commesso, che viene ritenuto insito nel dato testuale dalla maggior parte degli studiosi, seppur con

grande diversità di vedute sulla reale natura di tale excessiveness or gross disproportionality prohibition

(retributiva, utilitaristica, imperativo di eguaglianza ecc.).

Non verranno omessi riferimenti alle sentenze della Supreme Court relative all'applicazione della

protezione dell'Ottavo Emendamento in ambiti diversi rispetto a quello delle sanzioni detentive

(sostanzialmente la reclusione nel nostro impianto codicistico e i prison terms nei sentencing schemes

statunitensi, sia statali che federali), eletto ad oggetto privilegiato di questa indagine. Penso alle

fondamentali decisioni sulla pena capitale e su casi riguardanti minori (juvenile offenders), sia

all'esperienza applicativa dell'excessive fine clause dell'Ottavo Emendamento (divieto di pene pecuniarie

eccessive o sproporzionate rispetto al fatto di reato) ed alla significativa evoluzione delle limitazioni

costituzionali ai punitive damages in base a requisiti di proporzionalità, prevedibilità e ragionevolezza,

nel quadro però della protezione del substantive due process, riconducibile al Quinto Emendamento

della Costituzione Federale. L'analisi si concentrerà poi brevemente su alcune applicazioni del divieto di

sanzioni penali sproporzionate a livello costituzionale-statale, esaminando le clausole genericamente

riconducibili, in via esplicita o implicita, al concetto di proportionate penalty, previste in alcune Carte

Costituzionali degli Stati, ed i correlati “modelli” di scrutinio costituzionale sulla proporzionalità delle

pene di maggiore interesse ai fini della ricerca.

Si ritiene che una panoramica su queste tematiche nella giurisprudenza della Corte Suprema permetterà

di comprendere in misura adeguata la relazione tra diritto lato sensu punitivo e Costituzione Federale

nella realtà statunitense.

Giova aggiungere che la scelta dell'ordinamento degli U.S.A. come modello di studio comparatistico è

stata dettata, oltreché dalla pura curiosità intellettuale per un sistema assai distante da quello domestico,

anche da una caratteristica che sembra in definitiva accomunare la vicenda dei controlli di

costituzionalità sul quantum di pena portati avanti dal Giudice delle leggi italiano e dalla Supreme Court

federale statunitense (nonché dalle altre Corti statali e federali, stante il carattere diffuso del judicial

1 Sotto questo profilo occorre osservare, in uno ad autorevole dottrina, che è proprio il metodo interpretativo per principi, insieme

(21)

review of legislation nel sistema statunitense), rispetto ad altri ordinamenti, ai quali pure verranno fatti

alcuni cenni: la sostanziale incompiutezza, l'impossibilità di raggiungere un adeguato standard di

controllo, sufficientemente consolidato, che permetta di avere esiti prevedibili circa la caducazione o la

disapplicazione delle norme sanzionatorie. Ciò che emergerà dallo studio delle argomentazioni delle

pronunce è la sostanziale incapacità di delimitare con precisione lo spazio di intervento consentito ed il

grado di incisività dello scrutinio di costituzionalità sulla misura della pena (in particolare detentiva)2.

Infatti, come nella realtà italiana i controlli di ragionevolezza e proporzionalità sui quadri sanzionatori

2 Valga sin d'ora osservare che il “modello” italiano di sindacato costituzionale sulla misura della sanzione penale (se di “modello”

si può legittimamente parlare lo si verificherà andando avanti, ma la risposta è intuitivamente negativa), e, forse, si potrebbe estendere il discorso all'intera gamma delle misure che comportano intrusioni da parte dei pubblici poteri nella sfera dei diritti fondamentali dell'individuo, si è sviluppato secondo cadenze peculiari e differenziate, certamente più ristrette rispetto a quelle proprie del controllo di proporzionalità “a tre gradini” (o, secondo talune ricostruzioni, quattro gradini) nato e ampliatosi poderosamente nell'esperienza tedesca, poi mutuato ed impiegato dalla Corte di Giustizia della Comunità Europea sin dagli anni settanta del novecento. Come rileva puntualmente autorevole dottrina, è necessario porre l'accento sulle profonde differenze riscontrabili tra “modello generale” di verhältnismäßigkeit/proporcionalidad/proportionality, desumibile dallo scenario sovranazionale, inteso “come fondamentale criterio di valutazione della legittimità dell'intervento dei pubblici poteri, con una precipua proiezione che ambisce – nella materia penale – a sottoporre a vaglio anzitutto l'an e non solo il quomodo o il quantum della sanzione; ed in questa prospettiva il principio viene declinato in sotto-criteri che guardano anzitutto alla legittimità del mezzo e dello scopo perseguito, e poi alla idoneità, alla necessarietà ed alla adeguatezza (proporzione in senso stretto) della specifica opzione penale” ed esperienza italiana, “che utilizza codici di valutazione diversi per declinare il concetto di proporzione e che, soprattutto, impiega paradigmi concettuali differenti per scrutinare la legittimità dell'opzione penale (segnatamente, il principio di offensività ed il principio di sussidiarietà, pur nei limitati margini di giustiziabilità riconosciuti dalla Corte costituzionale), scegliendo di confinare l'utilizzo (anche lessicale) del “principio di proporzione” - per lo più – in sede di controllo sull'equilibrio sanzionatorio, peraltro nel prisma del giudizio di eguaglianza-ragionevolezza (art. 3 Cost.), secondo lo schema triadico ancorato al precipuo riscontro di un pertinente tertium comparationis”;così MANES V., Il giudice nel labirinto, Roma, 2012, 145-146. Le acute riflessioni dell'A., lumeggiando una importante peculiarità propria della realtà italiana, se posta a raffronto con la realtà sovranazionale (o, forse, meglio dire globale, vista la diffusione ormai planetaria del controllo di proporzionalità - proportionality check nello strumentario argomentativo delle Corti costituzionali e supreme), indicano una direttrice di ricerca utile per delimitare l'oggetto dell'indagine, che si concentrerà specificamente sul mos italicus di concepire il controllo sull'equilibratura sanzionatoria della fattispecie penale, ossia il controllo di ragionevolezza, provando a cogliere le sue iterazioni con il principio di proporzione (della pena, non inteso in senso ampio, salvo inevitabili ma cursori riferimenti).

In termini pressoché analoghi, ben coglie la delimitazione del principio di proporzione nella giurisprudenza della Corte costituzionale al solo ambito dell'equilibratura sanzionatoria interna della fattispecie (o delle fattispecie poste a raffronto nel giudizio triadico di eguaglianza-ragionevolezza, in ottica di coerenza sistematica), differenziandone i caratteri rispetto a controlli più compositi “a tre livelli”, tali da assorbire i vari profili relativi a bene giuridico, offensività, idoneità e necessità, diffusi in esperienze di altri ordinamenti (Germania e Spagna), DODARO G., Uguaglianza e diritto penale, Milano, 2012, 391, nt. 73 e bibliografia ivi citata. V. anche, negli stessi termini, BELFIORE E., Giudice delle leggi e diritto penale, Milano, 2005, in particolare 322, ove si legge “Da un lato, la Corte non elabora uno schema argomentativo logico e rigoroso come quello consolidatosi nella giurisprudenza del BverfG in tema di Verhältnismäßigkeit (ancorato ai criteri di individuazione dello scopo, idoneità, necessità e proporzionalità in senso stretto) riducendo il sindacato a quello che è stato definito “giudizio di proporzionalità in senso stretto” e che si basa su valutazioni quantitative (e non qualitative). Nelle pronunce si evidenzia una tendenza alla riproduzione “meccanica” della formula della mancanza di proporzione, senza che risultino chiari i principi logico-giuridici dei criteri invocati. Dall'altro, anche quando il parametro della proporzione viene agganciato a termini di riferimento, il giudizio verte sulla proporzione tra sanzione edittalmente prevista e bene giuridico protetto, ovvero, tra (le limitazioni al) bene libertà personale e interesse offeso dal reato”.

Dunque, come si è provato ad esprimere con alcune brevi considerazioni in premessa, un ambito d'indagine ben più circoscritto (e di più realistica esplorabilità, rispetto allo sterminato macro-tema del principio di proporzionalità in senso ampio), che ha consigliato la scelta di un modello comparatistico come quello statunitense, certamente distante, “isolato” ed impermeabile rispetto alla esperienza europeo-continentale (ampi cenni verranno fatti al concetto di american exceptionalism), ma di sicuro interesse, soprattutto per i profili di “incompiuta realizzazione” e contraddittorietà che caratterizzano l'evoluzione giurisprudenziale della Corte Suprema sulla proportionality doctrine nella eighth amendment litigation. Certo, non si mancheranno di rilevare eventuali aperture del sistema statunitense rispetto alle istanze provenienti dal quadro sovranazionale o utilizzazioni giurisprudenziali di argomentazioni comparatistiche, sulle quali si veda il denso volume di SULLIVAN E.T.-FRASE

(22)

hanno dato vita ad una linea ermeneutica della Consulta definita dalla dottrina, in maniera certamente

azzeccata, ora come “pendolarismo”3 ora come “vorrei ma non posso” della Corte4, in riferimento alle

piccole aperture, eccezioni rispetto ad un perdurante atteggiamento di “oculata pacatezza” costantemente

serbato, in giusto ossequio al principio di riserva assoluta di legge vigente in materia penale ex art. 25, c.

2 Cost. e per timore di sconfinare nella intangibile sfera della political question, nella quale certamente

rientrano i giudizi di meritevolezza e bisogno di pena (i.e. la predeterminazione in sede legislativa del

quantum della risposta sanzionatoria); così, anche riguardo allo scrutinio di legittimità costituzionale sul

sistema sanzionatorio nordamericano, soprattutto sui profili quantitativi dello stesso (i c.d. prison

duration cases affrontati dalla Corte Suprema5), i risultati, come si vedrà, sono stati da più parti

aspramente criticati, giudicandosi, e a ragione, l'approccio della Supreme Court in questo settore del tutto

incoherent e inconsistent, come peraltro viene confermato dagli stessi giudici supremi quando, in un

importante arresto, riconoscono che le decisioni inerenti alla protezione prevista dall'Ottavo

Emendamento, soprattutto con riferimento alla durata delle pene detentive, costituiscono una evoluzione

giurisprudenziale che “has not been a model of clarity”6.

Proprio la indubbia problematicità della tematica che si va ad affrontare, dimostrata

esemplificativamente dalle continue oscillazioni interpretative cui si è fatto riferimento, è in grado di

alimentare sempre nuovi interrogativi, ai quali, lo si precisa sin d'ora, non è agevole rispondere. La natura

squisitamente politica della scelta/valutazione sul quantum della risposta sanzionatoria da ricollegare alla

violazione dei precetti contenuti nelle norme incriminatrici si presta molto difficilmente ad essere

“razionalizzata” e riportata entro binari di ragionevolezza e proporzione in senso costituzionale, e tale

compito spetta certo in primo luogo al legislatore. Quest'ultimo però rimane sempre soggetto alle più

3 RICCARDI G., Il pendolarismo della Corte Costituzionale nel sindacato di ragionevolezza: a proposito dell'irrazionale, ma

ragionevole, disciplina sanzionatoria dell'immigrazione, in Crit. del Dir., 1, 2007, 48 ss.

4 BRUNELLI D., La Corte costituzionale “vorrebbe ma non può” sulla entità delle pene: qualche apertura verso un controllo più

incisivo della discrezionalità legislativa?, in Giur. cost., 2007, 181 ss.

5 SULLIVAN E.T.-FRASE R.S., Proportionality Principles, cit., 134 ss., secondo i quali “Proportionality principles have been

applied, but very poorly defined, in the Supreme Court's cases evaluating lengthy prison sentences”.

6 Secondo un'attenta dottrina d'oltreoceano, quando la Corte Suprema si è trovata a dovere sindacare la legittimità costituzionale

(23)

varie esigenze e contingenze politiche momentanee; come dimostrano in continuazione gli interventi di

riforma, la prima componente di fattispecie da ritoccare (quasi sempre verso l'alto) è quella sanzionatoria,

con buona pace dei principi costituzionali, delle esigenze di razionalità “intrasistematica” ordinamentale7

e delle garanzie. E' ciò che i cittadini vogliono per sentirsi rassicurati contro la minaccia del crimine;

l'aumento di pena è un prodotto ready-made, pronto per il consumo, tale da garantire sempre ottime

prestazioni sul piano simbolico8.

Senza volere anticipare il prosieguo della ricerca, il raffronto tra la nostra esperienza di “limiti

costituzionali sostanziali” alla discrezionalità politica libera del legislatore nella quantificazione e nella

strutturazione degli arsenali sanzionatori e quella degli U.S.A. (substantive constitutional limitations on

punishment), pare corretto in ogni caso sottolineare che taluni esiti paradossali di esasperato rigore

sanzionatorio siano stati evitati in Italia, per la loro sostanziale estraneità alla nostra cultura9 (come quelli

generati dalle famigerate leggi three strikes and you're out, emanate in numerosi stati americani a partire

7 Riguardo a tale esigenza di razionalità “intrasistematica” (i.e. armonia e coerenza tra fattispecie incriminatrici nella calibratura

della loro componente sanzionatoria, ritenuta congrua dal legislatore rispetto al contenuto offensivo di ciascun tipo criminoso), coltivata nella giurisprudenza costituzionale italiana attraverso la comparazione tra fattispecie nell'ambito dello scrutinio di ragionevolezza-eguaglianza sui compassi edittali, sarà ovviamente necessario, nel prosieguo del lavoro, procedere ad una netta differenziazione tra l'esperienza italiana e quella statunitense, in cui coesistono 50 ordinamenti e sistemi penali diversi. La direttrice della comparazione tra vari reati relativamente alla quantificazione sanzionatoria attraverso l'elaborazione di criteri comparativi viene comunque perseguita con decisione anche dalla giurisprudenza della Corte Suprema Federale e di alcune Corti Supreme Statali, come si vedrà dettagliatamente. Ad ogni modo, deve essere tenuto sempre ben presente, come acutamente osservava già tempo addietro un attento studioso, per primo dedicatosi all'analisi della questione in esame, che “il riferimento operato all'VIII emendamento, operato dalla giurisprudenza statunitense, suggerisce che la fondamentale esigenza sottostante al controllo sulla entità delle pene non è la “razionalità del sistema”, ma la salvaguardia dei diritti individuali”, v. PAPA M., Considerazioni sul controllo di costituzionalità relativamente alla misura edittale delle pene in Italia e negli U.S.A., in Riv. it. dir. proc. pen., 1984, 726 ss., 758.

8 Al proposito risuonano in maniera chiara e potente le recenti parole di un illustre studioso del diritto penale, secondo il quale

Ancora più esposta a pulsioni irrazionali e a strumentalizzazioni politiche è la sfera delle risposte al reato. L'immagine del diavolo, ancorché onestamente 'loico', ci richiama all'aspetto maligno del problema penale: la pena, di per sé, è un male: malum passionis quod infligitur propter malum actionis. La ragione aspira a governare anche questo versante: la teoria della pena avrebbe il compito di dare forma razionale agli scopi e ai criteri del punire, rendendoli controllabili dalla ragione discorsiva, non diversamente da come la teoria del reato svolge il suo discorso razionale attorno ai presupposti della responsabilità. Sul versante della pena, però, l'impegno di razionalità va incontro a ben maggiori ostacoli. La bilancia della giustizia dovrebbe pesare la pena secondo criteri aventi pretesa, per l'appunto, di correttezza o giustizia, in qualche senso del termine. Essa dispone di scale di gravità sia dei reati che delle pene; ma come correlare i due aspetti? Le idee regolative che stanno alla base delle teorie sulla pena (giusta retribuzione, razionalità preventiva) sono ben lungi dall'offrire soluzioni univoche, e di fatto vengono invocate a fondamento di scelte normative e di pratiche punitive le più diverse, tramite il riferimento a diverse concezioni di giustizia, a valutazioni diverse sulla gravità dei reati (sia in astratto, per tipi di reato, sia in concreto, relativamente a fatti specifici) e a valutazioni diverse sulla congruità delle pene, vuoi quanto a giustizia, vuoi (nell'ottica della prevenzione) quanto a prognosi sugli effetti, per loro natura opinabili e incerte. Bisogni di sicurezza, resi acuti dall'esplodere (o dalla mera percezione soggettiva) di questa o quest'altra emergenza criminale, troppo facilmente si traducono in bisogni di punizione, istintivi o sollecitati. Sul versante delle pene – la spada della giustizia – il sistema penale mostra il suo volto oscuro, meno razionale e meno razionalizzabile. I cataloghi delle pene, i livelli di gravità, le modalità applicative variano grandemente; la costruzione dei modelli punitivi è rimessa, non solo nei dettagli ma nelle stesse strutture di fondo, a scelte dei legislatori ed ai fattori, spesso tutt'altro che razionali, da cui quelle scelte sono influenzate”, PULITANÒ D., Ragionevolezza e diritto penale, Napoli, 2012, 22-24; v. anche analogamente, dello stesso Autore, Diritti umani e diritto penale, in Riv. it. dir. proc. pen., 2013, 4, 1613 ss. e in particolare sul punto 1625-1626.

9 Una accurata indagine di stampo storico-sociologico avente ad oggetto le origini e le spiegazioni della assai maggiore severità

(24)

dagli anni novanta per perseguire la neutralizzazione/incapacitazione dei recidivi considerati pericolosi,

attraverso la loro progressiva esclusione dalla società, o dalle mandatory minimum sentences10).

Una precisazione: nel corso del lavoro si svilupperanno ragionamenti intorno a pronunce della Supreme

Court relative a dosaggi sanzionatori (precipuamente life imprisonment sentences emesse in forza di

recidivist statutes nei confronti di soggetti ritenuti responsabili di reati di scarsa gravità) che potrebbero

apparire quasi inverosimili nella loro severità, ma che, nel panorama statunitense, per un insieme di

ragioni storiche, sociologiche e politiche, che non è possibile approfondire in questa sede, costituiscono

(quasi) la normalità11.

Concludendo questa breve premessa allo studio, ciò che si è inteso portare all'attenzione del lettore è

l'evoluzione ermeneutica del metodo d'analisi di legittimità costituzionale e del linguaggio della

giurisprudenza costituzionale nell'ambito del sindacato sulla misura della sanzione penale in due

ordinamenti particolarmente distanti, anche a livello di presupposti normativi, i quali però, in definitiva,

sembrano convergere su alcuni, non secondari, aspetti problematici (in primis l'incompiutezza e la

contraddittorietà nello sviluppo di standard efficaci di scrutinio di costituzionalità, e forse una eccessiva

deferenza nei confronti del legislatore, alla luce degli esiti dei controlli di legittimità sviluppati in altri

settori dell'ordinamento, penale e non, sia in Italia che negli U.S.A.).

Vorrei da ultimo segnalare, anche al fine di spiegare anticipatamente alcuni sicuri difetti di “disorganicità”

ed incompletezza della ricerca, che i contributi sullo specifico tema della comparazione tra controllo di

legittimità costituzionale sulla entità della pena negli U.S.A. ed in Italia nel panorama giuspenalistico

italiano, seppur presenti e di indubbia qualità12, non sono numerosissimi; il più delle volte si tratta di

10 In tema si vedano gli approfonditi studi di DELLA BELLA A., Three strikes and you're out: la guerra al recidivo in California e i

suoi echi in Italia, in Riv. it. dir. proc. pen., 2007, 2-3, 833 ss. e GRANDE E., Il terzo strike. La prigione in america, Palermo, 2007. La prima A. citata, nell'ambito della sua penetrante analisi, condotta soprattutto in prospettiva penitenziario-criminologica, fa un fugace riferimento ai profili che maggiormente interessano in questa sede, ossia le questioni di costituzionalità della three strikes law californiana. Ecco, proprio sulle ragioni storico-politiche che hanno portato alla sostanziale “sterilizzazione” del sindacato di costituzionalità sulla misura delle pene della Supreme Court federale, e sulle possibili via d'uscita da tale situazione (ad es. apertura ad un uso giurisprudenziale della comparazione più incisivo da parte della Corte Suprema, oppure adozione di criteri di verifica di legittimità costituzionale dei prison terms più incisivi, mutuandoli dalla giurisprudenza delle corti statali, se e dove essi vengano utilizzati; impiego di standard di constitutional review più solidamente strutturati) si incentra gran parte dello studio comparatistico che si intende portare avanti, privilegiando dunque la dimensione costituzionale (rectius, di interpretazione costituzionale dell'VIII emendamento quale limite sostanziale alla quantificazione delle pene detentive dei sentencing statutes statali e federali) della problematica in esame, piuttosto che quella stricto sensu “penologica”.

11 Sulla fiducia nutrita dal popolo statunitense nell'utilità di pene particolarmente severe in funzione deterrente, si vedano le

interessanti osservazioni di PIZZI W.T., Una tempesta perfetta: la discrezionalità del prosecutor negli Stati Uniti d'America, in Arch. Pen., 2012, 2, 553 ss.

12 Il riferimento, per una specifica tematizzazione in chiave comparatistica del controllo di costituzionalità sulla dosimetria

(25)

spunti nel contesto di una più articolata disamina dello scenario interno o della analisi di altre realtà

ordinamentali nazionali o sovranazionali. Ciò ha indubbiamente reso più complesso, ma allo stesso

tempo più affascinante, il tentativo di approfondimento della questione sviluppato nel presente lavoro,

che tuttavia non sarebbe stato possibile senza i predetti preziosissimi contributi.

(26)
(27)

Il problema della proporzione nella predeterminazione legale

della risposta sanzionatoria nella giurisprudenza costituzionale italiana

Sebbene siano state varie ed autorevoli le voci nella giuspenalistica italiana ad analizzare il problema

della predeterminazione legislativa della quantità e della qualità della pena, pertinente alla scienza della

legislazione13, soprattutto in tempi recenti, i contributi scientifici riguardanti i criteri di commisurazione

giudiziale della sanzione restano ancora di gran lunga più numerosi nel panorama scientifico14.

13 Si appunta con forza su tale aspetto un recente, denso saggio, DONINI M., Per una concezione post-riparatoria della pena.

Contro la pena come raddoppio del male, in Riv. it. dir. proc. pen., 2013, 3, 1162 ss. In particolare v. 1194-1195, laddove l'A., svolgendo alcune condivisibili considerazioni sulla limitata giustiziabilità del canone politico- criminale dell'ultima ratio, afferma “Sulle premesse conoscitive dell'opzione penale, che rimane in sé attratta in una valutazione politica quanto al momento decisorio, non vi è, nondimeno, un vuoto scientifico o di conoscenze obiettive: infatti a più riprese si sono sviluppate le linee di una scienza della legislazione, che non è scienza normativa, ma scienza della posizione delle norme, costruita dunque, su basi comparatistiche, anche con saperi empirici e conoscenze eziologiche, quali premesse critiche delle scelte di valore a livello legislativo (corsivi dell'Autore)”. V. l'ampia bibliografia citata alla nota 66, ove l'A. richiama il consistente indirizzo di “scienza della legislazione” sviluppatosi nel secondo Novecento nella letteratura italiana, differenziandolo rispetto ad altre correnti, propriamente dogmatiche e/o di prospettiva di riforma.

14 Si fa rifermento in particolare all'approfondita indagine storico-filosofica di FERRAJOLI L., Diritto e ragione. Teoria del

garantismo penale, Bari, 1989, 396 ss. e all'indimenticato studio di PADOVANI T., La disintegrazione attuale del sistema sanzionatorio e le prospettive di riforma: il problema della comminatoria edittale, in Riv. it. dir. proc. pen., 1992, 2, 423 ss. e 437 ss. Ampi cenni alle problematiche inerenti alla comminatoria edittale di pena in MANNOZZI G., Razionalità e “giustizia” nella commisurazione della pena: il just desert model e la riforma del sentencing nordamericano, Padova, 1996, 22 ss., la quale include il “dosaggio delle comminatorie” tra le problematiche fondamentali affrontate dalla dottrina penalistica nella prospettiva di una riforma “globale” del sistema sanzionatorio.

Più di recente, un'accurata indagine su principio di proporzione e cornici edittali, sviluppata attraverso la disamina dei contributi scientifici più significativi nell'ambito nazionale e non, e lo studio delle proposte di riforma succedutesi nelle varie Commissioni di riforma, è stata condotta da PONGILUPPI C., Le cornici edittali al banco di prova di un sistema penale differenziato, in Riv. it. dir. proc. pen, 2007, 947 ss. In direzione analoga, si veda MELCHIONDA A., Riforma del sistema sanzionatorio e cornici edittali di pena. Brevi note a favore di un sistema fondato sulle c.d. “classi di pena”, in Riv. it. dir. proc. pen., 2013, 3, 1292 ss.

(28)

Ciò appare difficilmente giustificabile, se solo si considera, unitamente alla dottrina, che “il livello

quantitativo della comminatoria edittale assume uno specifico interesse nell'analisi della parte speciale,

perché essa fonda e costituisce, da un lato, la “gerarchia” materiale dei valori penalmente protetti e, dall'altro, la “gerarchia” delle forme di tutela di uno stesso interesse, in rapporto alle diverse modalità di aggressione”15.

E' stato posto in evidenza che il principio di proporzionalità in ambito penale16 presenta una natura

intrinsecamente relativa o, meglio dire, relazionale, soprattutto quando si considera la opportunità di

sindacare le scelte effettuate dal legislatore relativamente alla comminatoria di pena, sotto il profilo della

legittimità costituzionale. E' in questo momento, quando debbono essere vagliate le quantificazioni

sanzionatorie in un'ottica intra-sistematica (i.e. con un giudizio di legittimazione interna al sistema), che

emerge con più forza il nesso inscindibile (definito da dottrina giuspubblicistica genetico17) tra dell'agente. Il codice Zanardelli del 1889, poi, pur fondato sulle escursioni edittali di pena per i singoli titoli criminosi, non contemplava alcuna disposizione in ordine ai criteri ai quali il giudice si sarebbe dovuto ispirare nell'irrogazione della pena, situazione già colta da chi notava che “la legge lascia al giudice certa larghezza di estensione del suo potere, fermando per ogni pena un massimo e un minimo, e talvolta consentendo al giudice la facoltà di scegliere tra diverse pene”. Ma l'assoluta mancanza di qualsiasi disposizione volta a suggerire i criteri per il governo razionale del potere del giudice, lungi dall'aver mai impedito l'attività commisurativa, trovava una compensazione operativamente efficace proprio nel concetto di “proporzione” della pena al reato: “la proporzione penale si attua per opera della legge, del giudice e della amministrazione”, e di essa “conosciamo non soltanto il principio, ma il modo, in quanto è della determinazione astratta della pena, per sé e al fatto singolo, e anche della determinazione concreta generica, o applicazione della pena in generale”. Il giudice doveva adattare “il fatto di reazione al fatto di azione”, poiché la commisurazione sarebbe spettata all'organo giudicante, “che avvicina la legge all'uomo relativamente a un “fatto compiuto”; non al carceriere che semplicemente ha in custodia “l'uomo””. Infine il Codice Rocco del 1930 avrebbe perseguito ancor maggiormente il criterio di proporzione tra reato e pena, ciò risultando scolpito sia nei Lavori Preparatori del Progetto di Codice, sia nel più conosciuto Trattato sistematico sulla codificazione del 1930. In particolare, nella Relazione sul Progetto del codice, il Guardasigilli rimandava espressamente al concetto di proporzione: “Che il legislatore non possa né debba abdicare al suo compito di fissare la specie e la quantità della pena in correlazione all'indole e alla gravità del reato, obiettivamente considerato è uno dei postulati della scienza […] Ma […] deve d'altra parte riconoscersi che il conflitto con l'ordine giuridico, in cui si pone l'autore del reato, e che è fondamento e limite a un tempo della repressione, non possa convenientemente essere risoluto, guardando alla materialità dell'offesa cagionata al bene penalmente protetto. Tenere conto dell'episodio criminoso, nelle contingenti sue varietà; accentuare l'importanza degli elementi psicologici ed etici nel giudizio circa la gravità dell'illecito penale, vale quanto elevare la funzione repressiva, renderla più flessibile ed efficace, disporre mezzi più perfetti di accertamento dei veri termini del contrasto tra l'azione umana violatrice della norma penale e le leggi della società in cui il delinquente vive, insomma meglio realizzare il principio di proporzione tra la pena e il reato”. Tramite questo breve excursus storico, l'A. evidenzia efficacemente l'alto grado di approfondimento del rapporto di proporzione tra reato e pena che ha sempre contraddistinto la nostra cultura penalistica, fin dall'emanazione del codice penale toscano del 1853. Sulla intrinseca e sempre drammaticamente problematica correlazione tra i due piani della commisurazione giudiziale della pena e la sua predeterminazione in sede di comminatoria edittale, con la consueta lucidità, PULITANÒ D., Ragionevolezza e diritto penale, cit., 54, secondo il quale “La 'giustizia' della commisurazione della pena dipende però non solo dai criteri di commisurazione, ma innanzi tutto dal sistema delle pene edittali, la cui giustizia è sempre discutibile”.

15PADOVANI T.-STORTONI L., Diritto penale e fattispecie criminose. Introduzione alla parte speciale del diritto penale, Bologna,

2006, 117.

16 Si utilizzeranno, nel corso del lavoro, tendenzialmente i termini principio di proporzionalità o proporzione in maniera

interscambiabile e con il medesimo significato (in riferimento alla misura della pena detentiva), pur essendo consapevoli della molteplicità di sfumature che sono state attribuite a tali concetti nelle elaborazioni giurisprudenziali e dottrinali, che saranno via via riprese ed analizzate.

17 In tal senso si veda il primo capitolo del lavoro di COGNETTI S., Principio di proporzionalità. Profili di teoria generale e di

(29)

uguaglianza e proporzione18.

Prima di procedere all'esame delle pronunce della Corte costituzionale e degli orientamenti dottrinali

italiani che hanno definito con maggiore efficacia contenuti e significati del principio costituzionale di

amministrativo – dell'uguaglianza nella valutazione dei presupposti applicativi di regole astratte ai soggetti destinatari”. Nell'affascinante indagine, l'A., ispirandosi al metodo della proporzione come categoria generale del diritto, procede alla tematizzazione del principio riferendosi a più riprese alla materia penale-sanzionatoria in chiave storico-filosofica. Viene richiamato infatti il principio di rigida proporzione materiale di pura matrice retributiva, definito dall'A. “proporzione applicata con spietata simmetria”, risalente al codice babilonese di Hamurrabi, che adottava la lex talionis, corrispondente alla concezione mosaica della giustizia. Brevi cenni anche alla contrapposta concezione illuministica della proporzionalità della pena elaborata da Cesare Beccaria. V. COGNETTI S., op. cit., 47. Non vengono omessi sintetici ma significativi richiami alla proporzionalità della pena nella giurisprudenza costituzionale contemporanea, in relazione all'uguaglianza di trattamento (il riferimento dell'A. è alle problematiche sollevate dal d.l. n. 172/2008, che all'art. 6 prevede il reato di abbandono di rifiuti pericolosi punito con la reclusione fino a tre anni e sei mesi limitatamente al territorio della Campania, interrogandosi se la differenziazione di trattamento basata sulla particolare situazione di emergenza territoriale rimanga entro i confini della legittimità costituzionale). Infine l'A. richiama brevemente le questioni di proporzione inerenti alla scriminante della legittima difesa ed all'applicazione delle misure cautelari personali nel processo penale. V., rispettivamente, COGNETTI S., op. cit., 60, nt. 106; 60-61, nt. 107-108; 62, nt. 109.

18 Sotto questo punto di vista Luigi Ferrajoli, riprendendo il pensiero di Rudolph Von Jhering, secondo cui “La tariffa della pena

misura i valori dei beni sociali”, il c.d. tariffario delle pene, che segnala la scala dei valori storicamente determinata in una data società, oltre al suo grado di autoritarismo, di tolleranza e di umanità, afferma “Benché sia impossibile misurare la gravità di un reato singolarmente preso, è pertanto possibile, in base al principio di proporzionalità, affermare che da punto di vista interno, se due reati sono puniti con la medesima pena essi sono ritenuti dal legislatore di uguale gravità, mentre se la pena prevista per un reato è più severa di quella prevista per un altro, il primo reato è ritenuto più grave del secondo. Ne consegue che se dal punto di vista esterno due reati non sono ritenuti di uguale gravità o l'uno è ritenuto meno grave dell'altro, è contrario al principio di proporzionalità che essi siano puniti con la medesima pena o peggio il primo con una pena più elevata. In tutti i casi il principio di proporzionalità equivale al principio di uguaglianza in materia penale”, Diritto e ragione, cit., 399-400; v. anche INSOLERA G., “La tematica tradizionale della commisurazione della pena al delitto, della “scala penale”, non può infatti essere affrontata in termini assoluti, implicando necessariamente rapporti intra-sistematici e di congruità relativa che attraversano tutti i connotati di un diritto penale coerente con la Costituzione. Dall'assetto gerarchico dei beni, alla dimensione dell'offesa, al grado della sua realizzazione, in termini di pericolo o di danno, alla colpevolezza”, in Principio di eguaglianza e controllo di ragionevolezza sulle norme penali, in AA.VV., Introduzione al sistema penale, vol. I, Torino, 2012, 394 ss., 424;v. altresì, per un'esemplificazione della natura relativa della proporzione e del suo indissolubile legame con la uguaglianza-ragionevolezza, quando si parla di giustiziabilità, DONINI M., op. cit., 1193, “Le norme di diritto sanzionatorio, peraltro, una volta entrate nel circuito della penalità, sottostanno di nuovo, in quanto normegiuridiche, a vincoli relativi che attengono al sistema normativo di riferimento, e sono perciò pienamente giustiziabili in termini di legalità, tassatività, proporzione e ragionevolezza, finalità rieducativa, tutela adeguata delle vittime etc. Esempio. In un sistema con la pena di morte per il furto, l'omicidio, la corruzione e il contrabbando di autoveicoli, i raffronti di “eguaglianza” e “ragionevolezza” saranno/sarebbero molto diversi, così fondando (la pretesa di) una valutazione di “razionalità” punitiva interna al sistema differente da quella propria di ordinamenti dove non ci sono quelle scelte punitive. Questa differenza è scolpita puntualmente nella giurisprudenza costituzionale che consente un sindacato sulle pene là dove sussista un tertium comparationis: la presenza del tertium comparationis è esattamente il requisito tecnico che consente la giustiziabilità. C'è quindi un livello di “scientificità relativa, interna al sistema vigente, di tipo “ordinale” od orizzontale, e un livello di politicità piena, che riguarda il punto di vista ancora esterno, cioè l'opzione penale in sé e anche il suo livello verticale, cardinale, di grandezza, del massimo sanzionatorio”. Lo stesso A. sottolinea il profilo relativistico del principio di proporzione, attribuendo una imprescindibile selezione preliminare all'offensività del fatto, in DONINI M., Prospettive europee del principio di offensività, in AA. VV., CADOPPI A. (a cura di), Verso un codice penale modello per l'Europa. Offensività e colpevolezza, Padova, 2002, 109 ss. e 124 ss.

(30)

proporzione della pena, si rende necessaria una premessa, sullo “stato di salute” attuale dello stesso nel

nostro ordinamento.

Al riguardo non possono che condividersi le parole, espresse ormai una decina di anni fa, da una attenta

dottrina, che si è occupata da vicino di questa tematica19.

Dopo avere denunciato le alterne fortune del principio di proporzione nei tracciati della giurisprudenza

costituzionale sul trattamento sanzionatorio penale, definendoli come “atteggiamento ondivago” della Corte, l'Autore afferma, non senza una punta di disillusione, che “In assenza di criteri più specifici che

orientino e specifichino le sue prestazioni, in effetti, non possono destare stupore le incertezze che

caratterizzano il cammino “esistenziale” di questo principio specie in materia penale, e che lo hanno di

fatto condannato ad uno scomodo “limbo concettuale”: l'impressione, peraltro, è che – dopo essere

stato al centro di importanti studi, e di significativi esperimenti di politica del diritto – il principio di

proporzione abbia registrato, almeno in seno alla nostra dottrina, un sensibile “calo di attenzione”, e,

forse, un certo disincanto, che lo ha allontanato dalle premesse costituzionali che, forse, gli avrebbero

consentito di affermare le proprie istanze di idoneità, necessarietà ed adeguatezza anche in relazione

alle specifiche esigenze di bilanciamento innescate dalla massima opzione punitiva (e/o alle specifiche

“pretese di rispetto” dei diritti fondamentali da questa compromessi). Premesse senza le quali,

d'altronde, sembra destinato a deprimere le sue potenzialità, ed a restare fondamentalmente agnostico e

sostanzialmente Wertneutral, almeno finché non si affianchi ad un criterio assiologico che gli consenta

di avanzare precipue scelte di campo qualitative (e non meramente quantitative) sui diritti/valori

fondamentali che legittimano la compressione di altri valori fondamentali, e di verificare, quindi, se il

sacrificio sia imposto nella misura strettamente necessaria; un criterio che gli garantisca prestazioni più

rigorose nella selezione dell'area di meritevolezza di pena, permettendogli di pronunciarsi sul cosa

punire, e non semplicemente sul quanto punire.”

Tali considerazioni sono uno stimolante punto di partenza per questa indagine, che si propone di

analizzare i motivi di una “mancata realizzazione” dell'istanza di proporzionalità tra reato e pena nella

dimensione costituzionale, nella prospettiva comparatistica scelta, in due sistemi giuridico-costituzionali

pure molto diversi fra loro20.

In questo primo capitolo dello studio ci si impegnerà dunque in una sintetica ricostruzione del percorso

storico-evolutivo del sindacato di ragionevolezza-proporzione della Corte costituzionale sulla dosimetria

edittale della sanzione detentiva.

A tal fine verrà applicata, nei limiti del possibile, la metodologia d'analisi (di stampo

19 MANES V., Attualità e prospettive del giudizio di ragionevolezza in materia penale, in Riv. it. dir. proc. pen., 2007, 738 ss. In

particolare v. 761-762.

20 Il “limbo concettuale” in cui è rimasto “intrappolato” il principio di proporzione nel contesto nazionale, cui fa riferimento l'A.,

(31)

giurisprudenziale)21 impiegata nello studio della giurisprudenza costituzionale statunitense, sviluppato

nel capitolo successivo dell'indagine.

Pertanto, l'attenzione si concentrerà sopratutto sulle decisioni della Corte e sui moduli argomentativi delle

stesse, valutandone lo sviluppo a partire dalla prime prese di posizioni negli anni settanta, fino ai giorni

nostri.

In termini generali si potrà constatare come il canone della eguaglianza-ragionevolezza, coniugandosi di

volta in volta con vari principi costituzionali in materia penale (principio di offensività, principio della

“tendenziale” finalità rieducativa della sanzione, principio di “stretta legalità”, principio di colpevolezza),

abbia consentito alla Corte di esercitare il suo controllo di legittimità sulle cornici edittali.

Ovviamente non sarà trascurata la copiosa elaborazione scientifica sviluppatasi in relazione a tali prese di

posizione.

Prima di entrare in medias res – nelle pieghe delle oscillazioni interpretative della Corte e delle

diversificate reazioni espresse in letteratura nel corso di circa quaranta anni22, su un tema particolarmente

delicato, crocevia di precari equilibri politico-istituzionali e con vaste implicazioni “penologiche” e

filosofiche – occorre fare alcune importanti precisazioni, o forse meglio dire dare alcune “istruzioni per

l'uso”, che si ritiene possano rivelarsi utili al lettore per comprendere meglio le scelte nell'economia

strutturale complessiva dell'elaborato e delle sue partizioni interne.

Anzitutto, la trattazione dell'esperienza domestica sui controlli di legittimità costituzionale sul quantum di

pena verrà contenuta in uno spazio significativamente più ridotto rispetto a quello dedicato alla speculare

analisi dello sviluppo giurisprudenziale della Supreme Court.

Ciò per svariati ordini di motivi.

Nel nostro contesto il rapporto tra legislatore e Giudice delle leggi è sempre stato caratterizzato da una

“tensione di fondo”, confermata dall'atteggiamento ondivago espresso dal percorso della giurisprudenza

costituzionale.

Vi sono state, in vero, alcune pronunce “eccentriche”, ed in un certo senso coraggiose, degli anni ottanta

e novanta, in cui la Corte si è spinta a sindacare la quantificazione sanzionatoria “astratta” in maniera

penetrante, fino quasi ad invadere il merito politico23 (seppur sempre prestando, almeno formalmente,

21 Tale approccio potrebbe forse meglio adattarsi alle stesse caratteristiche dell'evoluzione giurisprudenziale italiana sul punto,

che, come si è giustamente osservato, “non sembra riconducibile ad una vera e propria matrice unitaria, essendo piuttosto dettata 'caso per caso' da contingenze e fattori comunque esterni al sistema normativo considerato, quali il sopravvenire di un carente o diminuito disvalore sociale dell'illecito o palesi e macroscopiche differenziazioni nella punizione di medesime condotte afferenti a testi normativi diversi, come possono essere considerati, ad esempio, il codice penale militare di pace e il codice penale”. Così BAILO F., La scrittura delle sanzioni (una prospettiva costituzionalistica), Milano, 2012, 43.

22 Indicativamente il lasso temporale cui si fa riferimento va dalla prima “apertura” della Consulta ad un controllo di legittimità

sulla misura della comminatoria edittale, in forza del principio di eguaglianza-ragionevolezza ex art. 3, c.1, Cost., nella sentenza di accoglimento n. 218/1974, fino all'ultima decisione che sarà presa in considerazione, l'importante sentenza n. 68/2012, che è andata ad incidere sul draconiano trattamento sanzionatorio previsto per il delitto di sequestro di persona a scopo di estorsione previsto dall'art. 630 c.p.

23 Per tutte si veda la notissima sentenza n. 341/1994, con cui è stata dichiarato costituzionalmente illegittimo, perché eccessivo,

Figure

Updating...

References

Related subjects :